Descrizione progetto

Il Nell'analisi dello stato attuale si è giunti a definire le varie categorie che guideranno la progettazione nelle scelte operative.

– Ristrutturazione della pavimentazione;
– Smontaggio e sostituzione dei parapetti
– Manutenzione straordinaria dei muri di contenimento.
– Manutenzione straordinaria dei muri di contenimento.

Scheda progetto

Oggetto: Progetto arredo urbano centro storico frazione di Agrone comune di Pieve di Bono-Prezzo
Committente: Pubblico comune di Pieve di Bono-Prezzo
Ubicazione: Frazione di Agrone
Fasi: Progetto prelimninare

Obiettivi vincolanti
Si elencano gli obiettivi vincolanti adottati per la stesura della proposta progettuale preliminare. Obiettivi che prendono in considerazione i seguenti elementi:
_1. collocazione. Progettare, ristrutturare considerando la morfologia dei luoghi;
_2. materiali. Incentivare l'uso di materiale locale: porfido, granito. Ferro per le recinzioni, l'uso del legno – forse più consono alla tradizione – non viene preso in considerazione per un aspetto manutentivo. Intonaco di calce per i muri, materiale questo che in passato veniva ampiamente prodotto in valle con le “calchere”, considerato materiale naturale a tutti gli effetti.
_3. trasporto. Intraprendere una precisa progettazione che permetta di ridurre i costi di trasporto.
Il progetto preliminare sintetizza e propone, con scelte ben precise, le soluzioni formali adottate. L'area antistante la chiesa “sagrato” viene ben delimitata enfatizzando i tre scalini ad est, disegnandola con segni a terra “grafismi” che ne delimitano i bordi e pavimentandola con pietra in porfido a lastre a correre. Sotto il muro in granito in prossimità della chiesa si propone un area “riposo” con panchine in blocchi di pietra, verde di arredo con alberi a basso fusto autoctoni contornati, sia le sedute che gli alberelli, da un pavimentazione in ciottoli come segno di memoria dell'originale pavimentazione dell'abitato. Elemento distintivo a sud, oltre al sagrato, sarà anche la realizzazione del percorso pedonale, la linea di demarcazione, sempre pavimentato in granito che segna-crea il percorso diretto di avvicinamento alla chiesa. Con questo intervento non si esclude l'uso veicolare in entrata ed uscita dall'abitato, ma si inibisce il suo avvicinamento alla porta principale della chiesa. Nelle stradine nei muri di contenimento prosegue l'uso dei “grafismi” collocando a terra o in testa ai muri lastre in porfido a correre. L'area a nord dietro l'abside. A valle viene recuperata distinguendola con pavimentazione a lastre – granito o porfido – e collocando a ridosso del muro di contenimento un nuovo lavatoio. A monte si prevede sempre pavimentazione a lastre, con la collocazione di sedute e verde come a sud, distinguendo il percorso stradale in manto bituminoso dalla pavimentazione a bordo chiesa.

Contatti

Dott. Architetto Pierluca Malcotti

Email

Per richieste o informazioni non esitate a contattarmi

Ufficio

Viale Dante, 12 - 38066 Riva del Garda